Mettiamo nelle mani dei cittadini il futuro di Roma: lettera aperta a chi ha a cuore la Politica

PERCORSO_contaciPubblichiamo la lettera aperta inviata da “Contaci” alle forze e alle personalità politiche impegnate a costruire a Roma una proposta alternativa per il governo della città.

Contaci (http://www.contaci.rm.it/) è un laboratorio di partecipazione politica che in questi mesi ha lavorato alla definizione di una piattaforma programmatica innovativa in vista delle prossime elezioni amministrative.

Annalisa Corrado, co-portavoce di Green Italia, è tra i promotori di questa esperienza civica.

Roma è malata e non guarirà se le sue energie più sane e vitali resteranno fuori dal gioco. Se non saranno i suoi cittadini a decidere insieme cos’è meglio per lo sviluppo della città e a partecipare al suo governo, per cambiare i sistemi e i comportamenti.

Le primarie del PD e del Movimento 5 Stelle sono state un fallimento.
Svilire il confronto politico alla sola conta tra candidati non ha nulla a che vedere con la partecipazione. Anzi, allarga il distacco abissale che separa la vita politica romana dai cittadini, dopo che il PD ha “sfiduciato” con mezzi insultanti la democrazia, il Sindaco che aveva eletto, mentre Casaleggio & co. fanno di tutto per trasformare il movimento in una sorta di partito leninista.

Alle scorse elezioni amministrative andò a votare solo la metà dei romani. Ora le primarie PD aggiungono solo tristezza ad un quadro molto preoccupante.

Senza un radicale cambio di passo, a giugno saranno ancora meno a votare. Qualunque governo eletto sarà ancora più debole e incapace di difendere la città dall’assalto di chi vuole mangiarsela pezzo a pezzo. Questo è chiaro a chiunque.

Da più parti ci si è messi in gioco per costruire un’alternativa a questo disastro annunciato, lavorando oltre il recinto dell’offerta politica esistente. Noi lo abbiamo fatto dando vita a CONTACI, un progetto (e un esperimento) di democrazia veramente partecipata. In un tempo brevissimo CONTACI ha ricevuto attenzione e riacceso le speranze di tantissime donne e uomini che domandano dignità alla politica. E a se stessi come cittadini.

Domenica scorsa, al Palazzetto dello sport, alle tantissime donne e uomini che hanno risposto al nostro appello, si sono uniti molti esponenti delle diverse forze democratiche che hanno partecipato attivamente al lavoro di elaborazione collettiva, dimenticando per un momento le diverse appartenenze.

Per la prima volta si è avvertito il potenziale liberatorio e unificante che potrebbe avere quel famoso passo indietro dei partiti evocato da tanti. Questo potenziale non deve andare disperso.

CONTACI nasce per cambiare la politica a Roma, nel pieno di un momento delicatissimo della vita della città. Vuole farlo con coerenza e continuità nel tempo, durante ed oltre la scadenza elettorale. Senza rinunciare all’idea di diventare uno spazio politico aperto a tutti per una costruzione che deve farsi più grande e più solida.

Una candidatura unitaria oltre il PD è possibile, necessaria e potrebbe anche essere utile per indurre un rinnovamento del PD stesso. Ma i cittadini devono essere protagonisti e scegliere le persone più adeguate a rappresentare una stagione nuova nella vita di Roma.

Incontriamoci subito per farlo. Questo è l’invito che rivolgiamo a tutti gli interlocutori che condividono le finalità e l’ispirazione che ci muove.
Noi tutti abbiamo la responsabilità di rispondere alla voglia diffusa d’impegnarsi. Senza scorciatoie, ma in fretta.

CONTACI.

One Comment on “Mettiamo nelle mani dei cittadini il futuro di Roma: lettera aperta a chi ha a cuore la Politica

  1. E’ meritorio che Green Italia non si sia mossa, nell’ambito delle amministrative, subalterna al Pd renziano. La scelta a mia avviso suicida dei Verdi romani di allearsi senza riserve con Giachetti mi ha convinto a lasciarli dopo otto anni. Ho tentato in mille modi di mettermi in contatto con qualcuno di Green Italia mostrando la mia disponibilità a proseguire il mio cammino ecologista al di fuori dei Verdi ma NON HO AVUTO LA ALCUNCHE’ MINIMA RISPOSTA. Eppure mi sono rivolto a tanti , persino alla Co-Portavoce senza avere la minima risposta. Perchè ?